close
Top Panel
Area Riservata
Top Panel
  

SONDAGGIO

Quale libro di Roberto hai amato di pił?
 

ZAPPING

Denuncia di furto
Leggi il racconto...
07/12/14 Roma
Sfoglia il ricordo...
Scambio banner
Leggi tutto...

Image

Image

Copertina di Scrivimi

Giusto un amore

Verso qualcuno
Miniere cardiache
"Verso qualcuno" finalmente DISPONIBILE IN FORMATO E-BOOK 
IN tutte le principali librerie online!
Le parole che non ho PDF Stampa
sabato 24 marzo 2007

Vorrei sapere che cosa sta succedendo intorno.

Vorrei sapere se è così facile diventare un altro, se è così naturale prender la forma del recipiente che frequentiamo. Non lo so. O se è difficile restare chi si è, una goccia nell’azzurrità. Non ho parole.

Vorrei sapere dove finisce tutto l’amore che rifiutiamo, i fiori che fingiamo di coltivare e calpestiamo mentre sbocciano. Le caramelle incartate che avremmo voluto mangiare insieme. I letti da disfare. I figli da cullare.

Dove sono gli amori che perdiamo per strada, che finiscono nelle cunette della vita, che ci sono e un attimo dopo scompaiono? Dove sono l’amore che ricordi e quello che dimentichi? C’è un posto dove si danno la mano e fuggono via nell’universo delle eventualità di un’esistenza? Dov’è quell’amore qualunque che ti nasce nel cuore in un giorno banale e, all’improvviso, si ruba tutte le parole che conosci per descrivere l’amore? Esiste un rifugio per l’amore? Un rifugio per le tempeste della vita?
Non so dove ha senso che finiscano i dolori che fanno lacrimare il cuore. Quelli che bussano la sera alla locanda dell’anima e che non puoi tenere fuori, perchè la locanda dell’anima una porta non ce l’ha. Nè un tetto, nè pareti. I dolori degli amori che avevi. Quei dolori che arrivano e ti sembra di conoscere ma che, in fondo, parole per descriverli non ce l’hai. O un nome, per chiamarli. O brividi, per sentirli.

Le parole che non ho le sto pensando. Penso agli occhi di chi vorrebbe darti la vita, di chi vorrebbe lucidarti il cuore, amarti i polmoni, lustrarti la pelle. E poi prende il primo treno e non lo vedi più. Che valore hanno quegli occhi lì? E le parole sussurrate? E le promesse disilluse?

Ci sono sere, come questa, in cui le parole che non ho mi fanno paura. Le parole che non uso, che non conosco, quelle che mi mancano per spiegare che succede, certe volte, nel cuore. Nell’anima. Nel quadro che dipingi da anni con attenzione e poi all’improvviso ci passi sopra una pennellata rosso fuoco, e devi ricominciare.

E magari invece di una natura morta inizi ad abbozzare un paesaggio sterminato.

Roberto

Commenti
Nuovo
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >

L'Aforisma

La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi, la solitudine non è un albero in mezzo a una pianura dove ci sia solo lui, è la distanza tra la linfa profonda e la corteccia, tra la foglia e la radice. - José Saramago

Archivio aforismi

--- FLASH FORWARD--->

Sì, sto lavorando a un nuovo romanzo. Qualcuno lo sta leggendo, qualcuno lo leggerà.

Spero ci sia dentro almeno quello che ho voluto metterci.

Il titolo con ogni probabilità sarà "Asciugami gli occhi".

Di date buone per l'uscita ancora non ce ne sono. Incrociamo le dita. 


 Cos'è la pazzia? Chi è pazzo? E cosa può succedere intorno a un uomo che, all'improvviso, per la società, è impazzito?