close
Top Panel
Area Riservata
Top Panel
  

SONDAGGIO

Quale libro di Roberto hai amato di pi¨?
 

ZAPPING

Denuncia di furto
Leggi il racconto...
07/12/14 Roma
Sfoglia il ricordo...
Scambio banner
Leggi tutto...

Image

Image

Copertina di Scrivimi

Giusto un amore

Verso qualcuno
Miniere cardiache
"Verso qualcuno" finalmente DISPONIBILE IN FORMATO E-BOOK 
IN tutte le principali librerie online!
Il guerriero e le ferite PDF Stampa
giovedý 11 ottobre 2007

Hai ragione tu, amico mio.

Un guerriero e le ferite. Può sembrare questo, certe volte, la mia vita. Un guerriero che lotta e che, sanguinante, insiste nella battaglia e vince, magari, e si gode traguardi, e va avanti e nemmeno guarda dove, e nemmeno guarda con chi, accanto. Sì, può sembrarlo. E forse lo è. Forse lo sono. Un guerriero con addosso il sangue rappreso di mille battaglie andate.

E hai ragione ancora, quando parli di insoddisfazione. Il seme di distacco che tiene lontani un uomo e la sua felicità. L'ìnsoddisfazione di saper essere qualcosa senza essere qualcuno, con la sola sterile ambizione di poterlo diventare. Eppure, a volte, non sembrano esserci alternative valide perchè, come dici tu, non esistono altre sfide. Altri appassionanti duelli.

Poi hai ragione ancora tu. Si è imperfetti, si è talmente strani da camminarsi addosso, farsi male certe volte, senza rendersene conto. Nè volerlo. E lo spazio. Lo spazio è un discorso del cavolo. Lo spazio c'è ma non basta. Lo spazio tra due persone è sempre tanto o poco, è sempre nero o bianco, è sempre una cazzo di terapia da seguire con accuratezza. Tra me e te c'è spazio, ed è normale, ma sento diminuirlo. Sento che ci stringiamo, e diventiamo qualcosa. E questo è lo splendore di camminarsi accanto.

Che dentro ci sia una battaglia non lo posso negare. Ne sono cosciente. Ne sono insoddisfatto, ma complice. Nel senso che credo siano questi carboni ardenti sotto il cuore a portarmi l'ansia e la fretta (aspetti negativi), e a portarmi l'ambizione sana e l'impegno (aspetti positivi). E' dalla dialettica che se ne viene fuori la crescita. Però è un discorso gelido, che meriterebbe occhi più attenti orecchie ritte, palpitazioni. Invece spesso non parlo di me per paura di farlo, di arrivare da qualche parte che non so e che non voglio. Come se stessi eternamente alla fermata dell'autobus senza salirci mai, vedendone mille sfilarmi continuamente davanti.

Comunque grazie. Grazie del guerriero e grazie delle ferite, perchè vanno di pari passo, ma non per questo deve essere giusto così. Grazie delle parole e di quanto tu possa aver scostato il velo su quel che c'è, in me, e che non vedo. Non so quanto si possa dire che le direzioni di una vita siano casuali, il fatto è che incontrarsi fa parte delle famose "briciole" di cui ho parlato giorni fa. Noi ci siamo incontrati, adesso è ora di andare. Forse la vita è lottare insieme la stessa battaglia, forse solo andare insieme da qualche parte, o forse tenersi stretti. Questo non lo so. Però credo che, se da oggi in poi sarò più cauto con me stesso e conoscerò anche solo un frammento di più quel che sono, questo lo devo a te, che sei entrato nel campo di battaglia in cui continuavo a sferzare colpi senza sennò, ti sei avvicinato al mio orecchio e, sottovoce, hai detto: "Cosa stai facendo?".

Quello è stato un momento importante, un crocevia. E lo devo a te.

Roberto

Commenti
Nuovo
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >

L'Aforisma

La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi, la solitudine non è un albero in mezzo a una pianura dove ci sia solo lui, è la distanza tra la linfa profonda e la corteccia, tra la foglia e la radice. - José Saramago

Archivio aforismi

--- FLASH FORWARD--->

Sì, sto lavorando a un nuovo romanzo. Qualcuno lo sta leggendo, qualcuno lo leggerà.

Spero ci sia dentro almeno quello che ho voluto metterci.

Il titolo con ogni probabilità sarà "Asciugami gli occhi".

Di date buone per l'uscita ancora non ce ne sono. Incrociamo le dita. 


 Cos'è la pazzia? Chi è pazzo? E cosa può succedere intorno a un uomo che, all'improvviso, per la società, è impazzito?