close
Top Panel
Area Riservata
Top Panel
  

SONDAGGIO

Quale libro di Roberto hai amato di pi¨?
 

ZAPPING

Denuncia di furto
Leggi il racconto...
07/12/14 Roma
Sfoglia il ricordo...
Scambio banner
Leggi tutto...

Image

Image

Copertina di Scrivimi

Giusto un amore

Verso qualcuno
Miniere cardiache
"Verso qualcuno" finalmente DISPONIBILE IN FORMATO E-BOOK 
IN tutte le principali librerie online!
Fotografie mancanti PDF Stampa
giovedý 08 novembre 2007

Nell'album della mia vita mancano fotografie.

Lo sfoglio e ogni tanto una pagina è vuota. Mancano ricordi. Manca quel che sono stato in altri tempi, in parentesi del mio passato chiuse e lontane. Mancano "Me stesso" che non mi appartengono e che ho dimenticato in tasche di giacchetti che non metto più, nelle riviste che leggevo e che conservo dentro scatoloni impolverati, nella musica ascoltata con gli occhi fissi al soffitto.

Manca molto di ciò che sono stato. Mancano serenità semplici e facili divertimenti. Manca ciò che sei quando credi che resterai sempre in quel modo. Sempre appagato di niente, sempre fremente. Eppure crescere è doveroso, immancabile. E si cresce con direzioni talmente casuali da far spavento, direttrici imboccate per qualche incontro giusto (o sbagliato), per un sorriso o una semplice conoscenza. Si cresce a caso, finchè non ci si ritrova soli, in un momento preciso, a fare i conti con quel che si è diventati.

Questo periodo per me è uno di quei momenti, solo dilatato. Faccio i conti con me, con quel che avrei voluto, e quel che sono. Quello che vedevo come orizzonte ed era di carta, solo scenografia di un teatro in cui mi ostinavo a recitare parti finte. E faccio i conti con le parole che ho tirato fuori, e spargo nel mondo con umile volontà di condivisione. Faccio i conti con quel che so, che ho imparato e spero di imparare. In questa operazione matematica tra crescere e diventare, mi colgo immobile, frastornato un po' dai cambiamenti che la vita attua senza tener conto dei tempi di un cuore, di un'anima.

E in questo quasi giorno-del-giudizio-personale avverto una percezione molto bella. La strada davanti, come un sentiero infinito ai cui bordi fioriscono violette, un sentiero che insegue un'alba, verso un giorno sempre nuovo. La strada davanti, lastricata di speranze come certe piazze di Lisbona, verso luci che si allontanano dal bosco del ricordo su per le montagne che rappresentano ogni esistenza umana.

E all'improvviso ricordo persino le foto che in quelle pagine non ci sono più. Quelle legate a momenti tristi, che proprio io,

Image
Madrid - Bosco del ricordo
magari, in un momento di rabbia ho strappato e buttato via. Ricordo i ricordi che avevo scordato. E l'album di fotografie della mia vita torna completo, anche delle foto meno importanti, di quelle strappate che per qualche ragione tornano intere, lucide.

Così, ritornando ad essere completo, l'album delle fotografie della mia vita riacquista senso. Perchè oggi sono figlio dei miei dolori, innanzitutto, e delle sofferenze in cui ho incespicato. E tenerli lontano dai miei ricordi è un'operazione vigliacca innanzitutto. Poi inutile. E sono figlio delle gioie e delle persone che hanno condiviso quest'animo irrequieto che ogni tanto si rilassa sull'amaca di certe righe, scritte con ruvida consapevolezza che solo lì certe ansie possono trovare ristoro.

Così, adesso, sento di avere un passato un po' triste, un po' allegro. Alchimia della vita. Sento delle responsabilità che non ho e ignoro, forse quelle che ho. Incoscienza indiscutibile.

L'ultimo ricordo dolce, nella prima pagina pulita dell'album, sono tre donne vive che chiedono di poter conoscere Fernando Zelante. Al suo ritorno.

A presto, 

Roberto

Commenti
Nuovo
Minus  - Scatti   |09-11-2007 11:55:44
├Ę incredibile...poco prima di visitare il tuo blog, sono stata a fare un
giro tra vecchi ricordi digitali, le fotografie archiviate nelle cartelle.
E
proprio ieri, mentre avevo messo l'automatico a lavoro, mi sono inoltrata negli
stessi pensieri tuoi...col passare del tempo ho l'impressione di staccare ogni
giorno uno scatto del mio passato, e di lasciare una pagina vuota, intrisa solo
dal profumo del ricordo, del dolore, ogni giorno ho l'impressione di compilare
lo stesso album, ma di inserire fotografie che a volte sostituiscano quelle di
ricordi agrodolci...
Ho rivisto vecchi scatti, vecchi sguardi, vecchie
sensazioni, sentito vecchi dolori, ma quando ho chiuso mi son detta: basta!!!Se
├Ę passato non serve a nulla ripercorrerle...piuttosto preoccupiamoci di vivere
momenti cos├Č intensi da renderli degni di essere immortalati in un ricordo, in
uno scatto e di rimanere per sempre sul nostro album!!!
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >

L'Aforisma

La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi, la solitudine non è un albero in mezzo a una pianura dove ci sia solo lui, è la distanza tra la linfa profonda e la corteccia, tra la foglia e la radice. - José Saramago

Archivio aforismi

--- FLASH FORWARD--->

Sì, sto lavorando a un nuovo romanzo. Qualcuno lo sta leggendo, qualcuno lo leggerà.

Spero ci sia dentro almeno quello che ho voluto metterci.

Il titolo con ogni probabilità sarà "Asciugami gli occhi".

Di date buone per l'uscita ancora non ce ne sono. Incrociamo le dita. 


 Cos'è la pazzia? Chi è pazzo? E cosa può succedere intorno a un uomo che, all'improvviso, per la società, è impazzito?