close
Top Panel
Area Riservata
Top Panel
  

SONDAGGIO

Quale libro di Roberto hai amato di più?
 

ZAPPING

Denuncia di furto
Leggi il racconto...
07/12/14 Roma
Sfoglia il ricordo...
Scambio banner
Leggi tutto...

Image

Image

Copertina di Scrivimi

Giusto un amore

Verso qualcuno
Miniere cardiache
"Verso qualcuno" finalmente DISPONIBILE IN FORMATO E-BOOK 
IN tutte le principali librerie online!
Melassa e carri armati PDF Stampa
sabato 29 dicembre 2007

La carta dei pacchi regalo è ancora davanti agli occhi.

Mezza accartocciata, magari, o buona per essere riutilizzata in altre occasioni, purchè non abbia qualcosa di evidentemente natalizio. Il conto alla rovescia per smontare l'albero di Natale, luminoso, intermittente. La neve sul Presepe è caduta da un pezzo, anche i personaggi più importanti preparano i sacchi, le borse. Sarà lungo il viaggio. 

La testa fatica. Non so se è la banale noia delle feste, o il fastidio irrecuperabile delle cose che vanno alla rovescia.

Il tempo che passa porta con sè appunti insensati. Più si cresce, meno si sogna, dice qualcuno. Io non sono d'accordo, penso che si sogni in maniera diversa. Non penso che la vita sia in grado di spegnere sogni. Quello no. Però può fare qualcosa di peggio. Guardiamoci attorno. C'è sapore di zucchero nell'aria, siamo convinti della nostra felicità al punto da dimenticare che non è felicità quella di cui si riesce a quantificare l'intensità. Parlare. Quello sì, oggi ci riesce bene. Parlare di tutto, sempre, a sproposito, con convinta competenza di vetro. Ma ascoltare no, non più. Sappiamo tutto di tutto, basta un pc, una tv, un quotidiano e sappiamo tutto di tutti, ma di noi? Che cosa sappiamo di noi? Quali sono le notizie di oggi del nostro cuore? Quanti feriti ci sono nella nostra anima? Quanti delitti? Quante insoddisfazioni? E perchè ogni persona è così distante dal mondo di cui dovrebbe far parte? Sappiamo i morti in Palestina quotidianamente, sappiamo tutte le amanti dei vip, le parole del Papa, i libri di Baricco. Ma di noi? Che cosa sappiamo di cosa ci rende davvero felici? Una serata diversa a Capodanno? Qualche giorno lontani da casa? Un amore rincorso col fiatone da una vita? Cosa? 

ImageCe l'ho davanti lo schermo del pc. Basta cercare una parola qualunque e si sa tutto quanto. Eppure, se cerco me, non so nulla in più di ciò che so già. Perchè?

In questi giorni penso alle mie amicizie. Quelle di una vita. Penso al perchè, in una stagione dell'esistenza, si diventa amici senza quasi poterlo scegliere. Scuola, catechismo, palestra, calcio, quartiere. E perchè poi, invece, all'improvviso esserlo diventa una scelta, un'esigenza, un impegno. L'amicizia diventa qualcosa che ha bisogno di requisiti precisi. Altrimenti no, no mi dispiace, ma io con quelli come te non voglio aver nulla a che fare. Il tempo e la vita forse cambiamo il concetto di amicizia, il nostro modo di viverlo. O forse l'amicizia che viviamo da bambini non è amicizia, è compagnia. E l'amicizia la conosciamo solo da grandi.

Non lo so, so che l'amicizia che c'è quando si è grandi mi piace sempre meno. Si rinuncia sempre meno agli impegni personali, sacrificando spesso lo stare insieme, pur di fare ciò che si crede migliore per sè. Ci si vede solo se mille se sono soddisfatti, solo se non c'è un motivo che va contro il vedersi. Da piccoli no, da piccoli era l'opposto, la differenza è sottile: ci si vedeva finchè si aveva anche solo un motivo per farlo.

Io non sono d'accordo con chi mi dice che è normale. Non è normale stare soli purchè si faccia ciò che si vuole. Stare con gli altri è il compromesso per eccellenza, invece no. Tutti soli appassionatamente. E sempre meno vivi. Sempre meno soddisfatti ma con l'illusione pericolosa di esserlo. Ognuno sta solo, si crede felice. Eppure, poi, non appena finisce lo zucchero di illusioni aleatorie eccoci lì a rincorrere un altro obiettivo inutile. La vita non è un obiettivo qualunque, è un viaggio. E i viaggi non hanno obiettivi, hanno percorsi.

E' tempo di melassa e carri armati. E basta respirare l'aria per le strade di questi tempi. L'aria natalizia. E poi guardare un telegiornale. Lucine per le strade che si illuminano a intermittenza e lucine alla televisione, lontane, che si illuminano a intermittenza anche loro. Ma sono bombe.

La melassa è dolce, se l'assaggi. Ma ti immobilizza, se ci finisci dentro. E i carri armati sono appena appena oltre le luci di questo Natale felice. La felicità è forse stare insieme di più, condividere. I momenti più belli di una vita sono e resteranno solo quelli che si ricordano con qualcun altro. Questa mi sembra la chiave: incontrarsi, ascoltarsi. Così facciamo il gioco di chi ci vuole felici senza niente. Senza niente di vero.

Ed ecco come va a finire, poi. Anche l'albero di Natale, adesso, non ne può più di scintillare finto.  

Roberto

Commenti
Nuovo
sa  - cos'è la felicità?   |30-12-2007 21:51:58
la felicità ebbene si ma cosa significa? cosa vuol dire essere
felici?attraversare un ponte senza sponde oppure ricercare continuamente qual
qualcosa che ti dia emozioni? Sinceramente non l'ho capito so solo che ogni
giorno della mia vita cerco solo di essere serena e questo di certo non vuol
dire accontentarsi, ma saper scegliere cià che più mi piace...ma in questo
periodo è difficile perchè vedi il resto del mondo atraverso una patina, ossia
come gli altri vorrebbero che tu lo vedessi...va bè mi sono persa ..buon anno
cles  - il tuo viaggio   |02-01-2008 21:57:12
"Eppure, poi, non appena finisce lo zucchero di illusioni aleatorie eccoci
lì a rincorrere un altro obiettivo inutile. La vita non è un obiettivo
qualunque, è un viaggio. E i viaggi non hanno obiettivi, hanno
percorsi."

L'importante è che tu percorra questo viaggio nell'ambiente
giusto. Anche le strade, le città ci sono amiche.
Buon anno, Roberto!
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >

L'Aforisma

La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi, la solitudine non è un albero in mezzo a una pianura dove ci sia solo lui, è la distanza tra la linfa profonda e la corteccia, tra la foglia e la radice. - José Saramago

Archivio aforismi

--- FLASH FORWARD--->

Sì, sto lavorando a un nuovo romanzo. Qualcuno lo sta leggendo, qualcuno lo leggerà.

Spero ci sia dentro almeno quello che ho voluto metterci.

Il titolo con ogni probabilità sarà "Asciugami gli occhi".

Di date buone per l'uscita ancora non ce ne sono. Incrociamo le dita. 


 Cos'è la pazzia? Chi è pazzo? E cosa può succedere intorno a un uomo che, all'improvviso, per la società, è impazzito?