close
Top Panel
Area Riservata
Top Panel
  

SONDAGGIO

Quale libro di Roberto hai amato di pi¨?
 

ZAPPING

Denuncia di furto
Leggi il racconto...
07/12/14 Roma
Sfoglia il ricordo...
Scambio banner
Leggi tutto...

Image

Image

Copertina di Scrivimi

Giusto un amore

Verso qualcuno
Miniere cardiache
"Verso qualcuno" finalmente DISPONIBILE IN FORMATO E-BOOK 
IN tutte le principali librerie online!
Una guerra senza eroi PDF Stampa
mercoledý 25 ottobre 2006

Ho letto su Repubblica degli allarmi del WWF sull’insostenibilità ambientale degli attuali ritmi produttivi. Occorre riflettere che il WWF non è un cantante che si lamenta così, all’improvviso, di ciò che a tutti sembra evidente. Sotto c’è uno studio scientifico che fa spavento. Ci sono cifre. Statistiche. Dati. E questo fa ancora più paura, perchè porta con un sol colpo tutto nell’ambito della realtà, svestendolo degli abiti più cauti della diceria, del timore amplificato, dell’allarmismo inutile.

Per chi conoscesse l’inglese, tutto il rapporto del WWF è disponibile al link:

http://assets.panda.org/downloads/living_planet_report.pdf
Io ho letto una sintesi e alcuni passi, nonostante il mio non eccelso inglese. Il succo è questo (mi limito alle cose eclatanti):

  1. Il consumo di acqua, suolo fertile, risorse forestali e specie animali è a livelli non più tollerabili;
  2. Dal 1970 al 2003 i vertebrati sono diminuiti di 1\3;
  3. La domanda di risorse da parte dell’uomo, non può più essere soddisfatta. Ceret risorse non si rigenerano più.
  4. Perdita di biodiversità;
  5. Si sono analizzate 695 specie terrestri, 344 di acqua dolce e 274 di acqua salata. Nei 30 anni esaminati si è avuta una diminuizione media del 29%.
  6. L’impatto umano sulla Terra è pressochè triplicato dal ‘61 al 2003.
  7. La presenza di Co2 nell’atmosfera è cresciuto di 9 volte dal ‘61 al 2003.

Credo che basti. E credo che quella che si sta “combattendo” contro il nostro pianeta sia una guerra. Vera e propria. Un accanimento violento nello sperpero indiscriminato di risorse preziose, nel consumo ampio di ricchezze non rinnovabili.

Non è più avidità. Non è più desiderio di potere o di denaro. Sta diventando follia.

Ed è assurdo che questi dati abbiano così poca risonanza, che occupino così poco spazio. Dovrebbero essere questi i temi da trattare, altro che finanziaria, opere pubbliche, pensioni.

Il resto viene tutto dopo.

Roberto

Commenti
Nuovo
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >

L'Aforisma

La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi, la solitudine non è un albero in mezzo a una pianura dove ci sia solo lui, è la distanza tra la linfa profonda e la corteccia, tra la foglia e la radice. - José Saramago

Archivio aforismi

--- FLASH FORWARD--->

Sì, sto lavorando a un nuovo romanzo. Qualcuno lo sta leggendo, qualcuno lo leggerà.

Spero ci sia dentro almeno quello che ho voluto metterci.

Il titolo con ogni probabilità sarà "Asciugami gli occhi".

Di date buone per l'uscita ancora non ce ne sono. Incrociamo le dita. 


 Cos'è la pazzia? Chi è pazzo? E cosa può succedere intorno a un uomo che, all'improvviso, per la società, è impazzito?