close
Top Panel
Area Riservata
Top Panel
  

SONDAGGIO

Quale libro di Roberto hai amato di pił?
 

ZAPPING

Denuncia di furto
Leggi il racconto...
07/12/14 Roma
Sfoglia il ricordo...
Scambio banner
Leggi tutto...

Image

Image

Copertina di Scrivimi

Giusto un amore

Verso qualcuno
Miniere cardiache
"Verso qualcuno" finalmente DISPONIBILE IN FORMATO E-BOOK 
IN tutte le principali librerie online!
Narrativa o letteratura? PDF Stampa
sabato 25 novembre 2006

Come fa una serata tra amici, con partita a bowling compresa, a trasformarsi in una discussione su cosa differenzia la narrativa dalla letteratura?

Quale percorso porta a valutare cosa sia la poesia? Come si arriva a parlare di quanto debba dare un libro che ti lasci segni dentro come un aratro nei campi brulli? Di quanto la pittura e la scultura possano avere in comune con la scrittura?
Non chiedetemelo. Però vi assicuro che è possibile.

C’è qualcuno che insiste sulla necessità che il buon libro ti “passi attraverso”, che ti entri dentro e fuoriesca dall’altra parte, lasciandoti residui di fremiti, emozioni, addensamenti di vita. Insiste sulla completezza di un mondo, sulla cornice che inizia da un angolo, fa tutto il giro del quadro e si chiude dall’altra parte. Dentro, un universo completo. Chiuso. Dettato.
Un altro dice che narrativa e letteratura sono concetti molto personali, che ognuno di noi si crea a seconda delle pagine che legge e di cosa ci trova, dentro. E si diverte a rileggere in età diverse gli stessi libri, per coglierne tutti i caleidoscopici aspetti. Può un libro che ci è stato pressochè indifferente ad un’età, diventare fondamentale qualche anno dopo, o viceversa?
Un terzo distingue un libro di narrativa da uno di letteratura in base a quanto, quel testo, ha rotto col passato, indipendentemente dalla sua bellezza, o dalla sua fluidità. Solo per la sua capacità innovativa. Per il suo slancio di novità, per la sua forza trascinante. Per il suo essere momento preciso di espressione stilistica, attimo di pura emozione codificata in parole.
Alla fine ci si rassegna. Ognuno resta della sua pallida idea (che poi forse è per tutti, più o meno, la stessa).
Si decide che le briciole di una serata non sono sufficienti.

Se ne parlerà, la prossima volta, tutti insieme, con calma. Resta sospeso in aria solo un soffice senso di inappagatezza. Per non saper esprimere come si desidera ciò che si pensa sulla letteratura. Sulla sua potenza. Sulla sua inspiegabile violenza coinvolgente.

Che non ha spiegazione, ma esiste. Che non ha ragioni, ma contagia.

Roberto

Commenti
Nuovo
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >

L'Aforisma

La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi, la solitudine non è un albero in mezzo a una pianura dove ci sia solo lui, è la distanza tra la linfa profonda e la corteccia, tra la foglia e la radice. - José Saramago

Archivio aforismi

--- FLASH FORWARD--->

Sì, sto lavorando a un nuovo romanzo. Qualcuno lo sta leggendo, qualcuno lo leggerà.

Spero ci sia dentro almeno quello che ho voluto metterci.

Il titolo con ogni probabilità sarà "Asciugami gli occhi".

Di date buone per l'uscita ancora non ce ne sono. Incrociamo le dita. 


 Cos'è la pazzia? Chi è pazzo? E cosa può succedere intorno a un uomo che, all'improvviso, per la società, è impazzito?